Storia e Tradizioni

Contigliano – L’assalto al castello

Il paese di Contigliano si trova su un colle ai piedi dei monti Sabini, sul bordo sud-occidentale della valle reatina. Dall’altura il paese domina la parte terminale della Valle Cupa, che si apre tra i monti in direzione di Cottanello ed è attraversata dalla strada provinciale di Fontecerro.

l’Assalto al Castello: l’immancabile appuntamento che ormai dal 1984 anima il borgo medievale.La manifestazione rievoca un tragico evento: nell’agosto del 1501, Vitellozzo Vitelli, condottiero alle dipendenze di Cesare Borgia, dopo essere stato per diversi giorni accampato sotto le mura del paese, al rifiuto della popolazione locale di somministrare vettovaglie ai soldati, assalì il castello. L’attacco dei soldati è rappresentato dal tradizionale Palio dell’Ariete, gara competitiva per rioni che si svolge proprio durante la serata conclusiva, il 7 agosto per l’appunto.

Greccio il Paese del Primo Presepe

Greccio fu fondato, secondo la tradizione, da una colonia o famiglia greca, fuggita o esiliata dalla patria in seguito a guerre e distruzioni che innamoratasi della amenità del luogo e della comodità di difesa naturale che offriva, ci si stabilì. Da qui il nome Grecia, Grece, Grecce ed infine Greccio.

Il Presepe di Greccio è la tredicesima delle ventotto scene del ciclo di affreschi delle Storie di san Francesco della Basilica superiore di Assisi, attribuiti a Giotto. Fu dipinta verosimilmente tra il 1295 e il 1299 e misura 230×270 cm.

 

Il Gastaldato ad Antrodoco

Nella magica atmosfera del Chiostro Santa Chiara, allietato da suonatori giocolieri e danzatrici, si svolge l’elegante banchetto medioevale delle Dame, al termine del quale viene eletta la Dama del Palio e vengono assegnati gli arcieri ai Rioni.

Tutto ha inizio con “La Notte della Dama e degli Arcieri”, la Messa degli arcieri e la presentazione del Palio alla popolazione per culminare con la proclamazione della Dama del Palio e la presentazione degli arcieri che il giorno seguente si contendono il Palio stesso.
Il clou della manifestazione è il “Corteo Storico e Palio Madonna del Popolo”: nel corteo storico i rioni vestono i panni di molti personaggi protagonisti degli episodi più emblematici: dalla pace di Anagni tra l’imperatore Federico II e Papa Gregorio IX all’arrivo di Federico II al Castello di Antrodoco da lui considerato tra i più importanti e strategici; dalle tensioni con Papa Clemente IV che invitato il Castello a sostenere Re Carlo D’Angiò contro Manfredi, si vide rispondere con un’irremovibile fedeltà a quest’ultimo. Dal matrimonio tra Guglielmo Da Palarago e Alterigia, figlia di Gualtiero, che valse in feudo, per Guglielmo, le terre di Rocca San Silvestro e Scoppito alla rivolta contro le tasse, da parte degli uomini di Forcapretula, Rocca di Fondi, Piscignola e Torre Cifredi e quella dei vassalli dei fratelli Berardo e Rainaldo De Duce, per la giurisdizione sui feudi della valle. E ancora l’intervento della Regina Giovanna I contro Giuntarello da Poppleto impossessatosi del Castello, vedrà in corteo eserciti e armi, ma anche le trattative di pace avviate dalla Regina stessa per porre fine agli scontri per il controllo sulla rocca di Antrodoco e spiazzare la storia dando un ruolo chiave nel futuro di Antrodoco, ai mercanti.

Il corteo storico confluisce nel Chiostro di Santa Chiara che fa da cornice alla contesa e proclamazione del Rione vincitore del Palio.

La Festa del Sole

La Festa del Sole è una manifestazione di Rieti che si tiene ogni anno a fine luglio, in cui i rioni della città si sfidano in gare acquatiche nel fiume Velino (di cui la più importante è il Palio della Tinozza). Nonostante sia una tradizione relativamente recente (si svolge dal 1969), è particolarmente amata e attira ogni anno 5000 spettatori. A questa usanza si devono due dei gemellaggi allacciati dalla città di Rieti.

Il Macchinista

Piccola video-intervista del macchinista del teatro Flavio Vespasiano di Rieti

La Processione dei Ceri

Il 24 Giugno si è svolta la tradizionale Processione dei Ceri, spesso indicata semplicemente come Processione di Sant’Antonio, si svolge a Rieti ogni anno nel mese di giugno, nel contesto delle celebrazioni in onore di Sant’Antonio da Padova (Giugno Antoniano), di cui rappresenta il culmine.

Scroll to top